lunedì 2 settembre 2013

Da Revello all'Ultra Trail du Mont Blanc 2013!!!

Lungghissimo elenco iscritti
 L'entusiasmo di essere stato lì finalmente tra i partenti all'ultra trail du Mont Blanc 2013 dopo anni di lavoro è stato impagabile. Sentire tutta la folla, i cronisti con i loro cameramen, i giornalisti che intervistano, atleti preoccupati e altri euforici, tutti in prossimità della partenza per sentire lo 'START!'; molto esaltante! Il presentatore che riusciva ha creare quell'atmosfera giusta, proprio come doveva essere per un evento così grandioso ed eccezionale come l'UTMB.
Uno dei tanti parcheggi colmi a Chamonix
Lui era lì, il Monte Bianco ci guardava quasi come per far capire che nessuno l'avrebbe dominato. Anche quel gigantesco pietrone aspettava 'il via' venerdì 30/09/2013 alle ore 16.30, come per mettere tutti gli atleti in guardia. Il conteggio dei secondi da dieci, poi nove... e tre, due, uno ed il lungo serpente di 2300 'mastini della montagna' si era slanciato per circondare quella grande ed antica montagna. Gli ultratrailers erano tutti pronti a dimostrare quello che può fare un essere umano con le proprie gambe e una grossa dose di forza di volontà...
Cameramen e giornalisti attorno a Ultratrailers famosi
Anche in questa ennesima gara per filosofia mia sono partito 'ultimo tra gli ultimi', è proprio il caso di scriverlo: ero il 2300 quando era scattato il via! Infatti prima che la baraonda di gente iniziasse a muoversi nel mio punto sono passati alcuni minuti, per poi piano piano cominciare a fare qualche timido passo. Credo che ci siano voluti almeno 20 minuti per uscire dal centro di Chamonix Mont Blanc. Senz'altro la folla dislocata sul bordo del percorso faceva un gran tifo a tutti gli atleti e non era cosa facile trattenersi e limitare la velocità. Situazioni che forniscono sempre una 'grossa carica'! Com'è noto però in questo sport è importante dosarsi altrimenti non si arriva al fondo! Pian piano anche per me era arrivato il momento di correre ed al km 13 avevo recuperato 600 posizioni. I punti di controllo e rifornimento passavo lentamente, con archi temporali tra uno e l'altro dall'ora alle tre ore mediamente, fattore strettamente correlato al tipo di tragitto e distanza. Era bello sapere che la mia famiglia potesse monitorarmi ad ogni punto di rifornimento in diretta da casa, grazie al bellissimo servizio offerto 'LIVETRAIL', per farmi sapere via sms dove mi trovavo e come stavano andando le cose... Considerando anche le molte webcam presenti sul percorso. Davvero tutto organizzato in modo impeccabile!
Tutti 2300 partenti per l'UTMB 2013!
Il mio intento era unicamente quello di arrivare infondo senza curare ne tempi ne velocità, vista l'assoluta novità per me di un evento di tale proporzione. Nonostante ciò la graduatoria si è mossa bene visto che partendo dall'ultimo posto l'ascesa verso posizioni migliori è stata pressoché costante chiudendo alla 980esima posizione assoluta e 368esimo di categoria. Solo un punto(Grand Col Ferret 2527m) è stato davvero critico per via di un accoppiamento 'micidiale' di eventi sfavorevoli: tratto in fortissima e lunghissima salita nel momento più caldo della giornata! Dopo quel passaggio, anche se era ancora molto lunga e mancava circa il doppio in termini di tempo, i chilometri scorrevano con maggior 'facilità'; forse dopo aver superato una forte crisi appare tutto più facile anche se in realtà non è così. Sicuramente nell'ultratrail il fattore mentale è determinante.
I dubbi durante la percorrenza sul riuscire effettivamente a raggiungere il traguardo sono stati molti soprattutto nella prima metà, è stato solo quando ho infranto la barriera del 100esimo km che ho veramente sentito che l'arrivo a Chamonix rientrava nelle mie possibilità.
Partire venerdì pomeriggio alle 16.30, superare una fredda e serena notte in alta quota, affrontare un altro giorno in mezzo ai colli, vedere nuovamente la notte arrivare per scoprire di poter ancora proseguire, un altro giorno che inizia e le gambe sono ancora li che 'macinano' passi... Ed alle 10.30 di domenica mattino riuscivo raggiungere orgogliosamente al traguardo finale di Chamonix. Il lungo anello 168km per 19200m di dislivello complessivo era stato chiuso in 41 ore 57 minuti e 29 secondi passando per Francia, Italia, Svizzera e nuovamente Francia.
Correndo in alta quota
 
Una curiosità che ho avuto modo di sperimentare in questa gara è stato il dormire continuando a correre! Avevo già sentito di questo fenomeno, purtroppo però molto spesso fino a che: 'non lo vivi non ci credi...' Posso garantire che succede per davvero.
Il Monte Bianco non ha potuto fare nulla se non osservare gli ultratrailers più forti del mondo arrivare a coprirne tutto il suo perimetro. Infatti quest'anno dopo una ferrea barriera selettiva per l'iscrizione, l'UTMB ha potuto reclutare atleti provenienti da oltre 70 paesi nel mondo.
Un punto di rifornimento in alta quota nella notte...
Purtroppo molti ed altrettanto grandiosi atleti hanno superato il traguardo oltre il tempo massimo consentito di 46 ore, poi ampliato di 33minuti. A questi atleti è rivolta ancor più ammirazione vista la grande determinazione dimostrata sopportando fatiche ancor maggiori restando ugualmente in 'gioco' per molte e molte più ore!
La conclusione della gara è avvenuta per i 1685 atleti entro le 46 ore, 33 minuti e 53 secondi dell'ultimo corridore accettato. Tutto contornato da una tanto desiderata maglietta da FINISHER come premio a testimonianza dell'impresa compiuta!
Salendo per uno dei molti colli...
Aggiungo che in una eventuale prossima partecipazione tenterò il di raggiungere il mio ormai consolidato 'tetto apice', rientrando nel primo quarto della classifica, come di solito capita quando sono in forma e conosco bene una gara. Comunque sono contento del risultato visto che sono riuscito a posizionarmi molto al di sotto della metà della graduatoria sui 2300 partenti, considerando che in principio non ero nemmeno certo di poter riuscire a chiudere la gara. Pretendere oltre sarebbe utopico per un fisico molto muscoloso e pesante come il mio di oltre 80kg per 178cm, troppo lontano dai canoni longilinei dei primi con il peso 'magico' di 60-65kg a parità di altezza...
Arrivo al traguardo a  Chamonix dopo quasi 42 ore continuative!

Una curiosità per gli appassionati di alimentazione. Ho consumato sempre e solo frutta per tutto il tempo, così come in tutti i mesi prima dell'UTMB 2013. Forse si tratta della gara con la maggior disponibilità di frutta ai punti di rifornimento. Aggiungendo il consumo di tre mandorle ogni ora mista a frutta disidratata.  Il risultato è stato quello di non percepire mai alcun calo durante l'attività.


Sezioni principali della pagina web dedicata agli ultratrailers:




Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel blog